Press "Enter" to skip to content

Agrivoltaico e non solo, Legambiente stila il vademecum per liberarci dal gas

La drammatica invasione dell’Ucraina e, d’altro lato la preoccupazione di molte persone per l’aumento delle bollette,  impone di accelerare la transizione energetica del nostro Paese.

Viene considerata l’unica soluzione per uscire dalla dipendenza dal gas, a partire da quello russo. 

Greenpeace Italia, Legambiente e WWF Italia avanzano 10 proposte al governo Draghi per affrontare in modo strutturale la dipendenza per l’approvvigionamento del gas.

Si tratta di interventi normativi e autorizzativi da mettere in campo da qui ai prossimi mesi.

Permetterebbero di ridurre i consumi di gas di 36 miliardi di metri cubi l’anno entro fine 2026, sviluppando l’eolico offshore e a terra, il fotovoltaico sui tetti, anche nei centri storici, e sulle aree compromesse come discariche, cave, etc.

Il moderno agrivoltaico (o agrovoltaico) garantisce l’integrazione della produzione agricola con quella energetica, la produzione del biometano, gli accumuli, i pompaggi e l’ammodernamento delle reti.

Stefano Ciafani Presidente di Legambiente (clicca su play)

Be First to Comment

Hai un commento?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.